21 Mag

Come si analizza l’acqua della piscina?

Analizzatore digitale per l'acqua della piscina

Analizzatore digitale per acqua Piscina

 

L’analisi dell’acqua della Piscina è sempre un argomento “molto sentito” da tutti i nostri clienti. E non solo. Ed è anche giusto che sia così visto che alla fine, a conti fatti, una volta costruita la piscina quello in cui io, i miei famigliari, i miei amici, ci immergeremo sarà proprio l’acqua.

L’acqua è una cosa fantastica , con cui ci si può divertire moltissimo, ma è anche un veicolo di batteri. Per questo è importante analizzare l’acqua della piscina, e farlo in modo appropriato. Oltre ai metodi di analisi, che possono essere diversi, è importante anche il momento in cui farle. Andiamo un po’ più a fondo dell’argomento.

In fase di apertura della piscina è bene fare delle analisi per poi effettuare il trattamento shock dell’acqua. Molti nostri clienti ci portano l’acqua della piscina per farla analizzare, soprattutto prima di aprire la vasca per la stagione.  E’ bene puntualizzare una cosa: L’acqua è ferma da tutto l’inverno, più o meno 5/6 mesi, e di conseguenza i prodotti al suo interno sono “precipitati”.

I prodotti chimici hanno un peso specifico maggiore rispetto all’acqua in cui sono disciolti. Perciò quando la pompa di filtrazione è spenta, l’acqua non è miscelata . Ciò significa che dopo già 1/2 giorni in cui l’impianto di circolazione dell’acqua è spento i prodotti chimici si sono depositati tutti sul fondo della vasca.

Questo fenomeno è normale, in alcuni impianti può anche succedere mentre è in funzione se la circolazione non è ideale.

Quindi? Nessun problema. Per avere delle misurazioni affidabili è bene far circolare l’acqua della piscina, prima di effettuare delle analisi. Magari (ove possibile) utilizzando anche la presa di fondo come aspirazione. Così facendo si preleva dal fondo piscina, e si rimette in circolo più rapidamente il prodotto depositato.

Se è vero che il Cloro, attivo, dopo 5/6 mesi è molto probabile che sia “svanito”, è altrettanto vero che l’acido cianurico si sarà tutto depositato sul fondo della vasca. Quindi se vogliamo un’analisi precisa dobbiamo rimetterlo in circolo per poterlo analizzare.

Analisi acqua della piscina

Analisi dell’acqua con fotometro a 4 parametri

 

Il consiglio è quindi questo: prima di effettuare qualunque tipo di analisi dell’acqua della vostra piscina assicuratevi che questa sia miscelata. Una volta “aperta” la piscina (tolto il telone) collegate l’impianto e, dopo aver fatto le operazioni di pulizia del filtro, fate circolare l’acqua in modo da rendere il valore dei prodotti il più omogeneo possibile.  Se l’impianto lo permette, lo potete fare anche a vasca ancora coperta.

Nell’articolo si parla di acido cianurico, il ragionamento vale anche per il pH ed il Cloro totale. Sarebbe consigliato, almeno una volta all’anno, effettuare un’analisi con uno strumento professionale per valutare lo “stato di salute” dell’acqua della vostra piscina.

P.S: Acido cianurico, conducibilità, Cloro totale, alcalinità, durezza (in carbonato di calcio) ecc. sono tutti valori che con i normali analizzatori a pastiglie , o a gocce, non si possono leggere.

 

 

By Massimo Fava Vanini Aqua & Pool snc

Accedi alla nostra area privata!

Iscriviti gratis e ottieni subito:

  • Le videoguide gratuite con approfondimenti sui prodotti e sulla gestione della tua piscina (nuovi video ogni mese).
  • Un codice sconto del 5% da usare sul nostro shop online.
  • La possibilità di accedere al nostro gruppo Facebook segreto per ricevere aiuto o consigli sulla tua piscina.
VOGLIO ACCEDERE ORA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.