4 Ago

Filtrazione a cartuccia per piscina

Argomento di grande importanza per il mantenimento dell’acqua della nostra piscine, ed anche per il tempo da dedicare alla gestione della stessa.
Esistono ormai tre sistemi di filtrazione per l’acqua della piscina. La filtrazione a sabbia, a cartuccia ed a calza. Esiste anche la filtrazione a farina fossile di diatomee, ormai in disuso.

In questo articolo volevamo parlarvi della filtrazione a cartuccia. La filtrazione a cartuccia è quella che, oggi, va per la maggiore nelle piscine medio/piccole. Fino ai 15/20 metri cubi circa.
Dicevamo oggi ,perché fino a qualche anno fa le cartucce erano usate anche per piscine molto grandi. Anche 200 metri cubi.

La filtrazione a cartuccia ha il suo forte nel grado di filtrazione , nella superficie filtrante e nella semplicità dell’impianto. Il grado di filtrazione, la capacità di trattenere le impurità, nelle cartucce arriva infatti fino 15/20 micron, la sabbia tradizionale fino a 50 micron. La superficie filtrante è sicuramente un grande vantaggio dei filtri a cartuccia. Anche filtri di piccole dimensioni sono dotati di grande aree di filtrazione, generalmente le cartucce sono “plissettate” ossia la carta di cui sono composte è ripiegata molte volte.

Cartuccia Filtrante per Piscina

Cartuccia Filtrante per Piscina

La superficie di filtrazione è data quindi da tutte le pieghe presenti nella cartuccia. Ecco perché “piccole” cartucce sono a servizio di medie piscine. E’ bene considerare che la cartuccia è un’elemento dell’impianto di filtrazione. L’altro è la pompa. E’ quindi molto importante che la pompa sia dimensionata bene, in funzione delle cartuccia e dei metri cubi di acqua presenti in vasca, per avere dei buoni risultati in termini di pulizia e di circolazione dell’acqua.

Dicevamo della semplicità dell’impianto. Un’impianto con filtro a cartuccia è generalmente composto da un monoblocco con pompa di filtrazione e filtro.

filtrocartuccia

.

 

 

 

 

 

Ciclicamente, almeno una volta la settimana, si ferma la pompa, si chiudono le valvole e si estrae e si pulisce la cartuccia. Per un’ottima pulizia della cartuccia si può usare l’apposita spazzola oppure l’idro-pulitrice avendo cura di non esagerare.

Ecco perché le piscine medio/piccole sono spesso dotate di filtrazione a cartuccia. Ci sono però anche altre considerazioni da fare.

Come dicevamo in precedenza la cartuccia filtra di più della sabbia tradizionale. Ecco che questo in alcuni casi può essere una fonte di lavoro in più. Nel caso in cui la piscina dovesse diventare verde ecco che con la cartuccia sarà più difficile recuperarla.

Con acqua verde si intensificano i lavaggi da eseguire sulla cartuccia, con la filtrazione a cartuccia è impossibile usare flocculante, prodotto che aiuta a chiarificare l’acqua. Anche l anti alghe contenente sali quaternari di ammonio, utile come preventivo per le alghe, sarebbe da evitare con la cartuccia.

Il consiglio è quindi , se proprio dovete (per questioni comunali) o volete , quello di acquistare un filtro a cartuccia di buona qualità e con già una cartuccia di ricambio. In questo modo accelerate le operazioni di lavaggio. La cartuccia “sporca” è bene che sia lasciata a riposo in acqua e anti-calcare. In questo modo la sporcizia si staccherà più facilmente durante il lavaggio

P.S. : Evitate di esagerare con la pressione del

l’idro-pulitrice…………………..

 

By Massimo FavaVannini Aqua & Pool snc

Cartuccia distrutta

Accedi alla nostra area privata!

Iscriviti gratis e ottieni subito:

  • Le videoguide gratuite con approfondimenti sui prodotti e sulla gestione della tua piscina (nuovi video ogni mese).
  • Un codice sconto del 5% da usare sul nostro shop online.
  • La possibilità di accedere al nostro gruppo Facebook segreto per ricevere aiuto o consigli sulla tua piscina.
VOGLIO ACCEDERE ORA

Laura consiglia...

6 commenti a “Filtrazione a cartuccia per piscina

  1. Dici che se si usa il flocculante la cartuccia filtrante non va bene anche se dovrebbe filtrare materiale più fine del filtro a sabbia. Allora quando si deve filtrare del flocculato, cosa si dovrebbe fare?
    Grazie dell’attenzione e complimenti per il blog interessante

  2. Purtroppo mio marito ha erroneamente usato un flocculante nella nostra piscina che ha filtro a cartuccia. …risultato: non riusciamo ad aspirare la polvere bianca sul fondo e questa va a intorbidire l’acqua. È possibile rimediare in qualche modo? Grazie!

  3. Buongiorno, sono disperata: avrei bisogno di alcune indicazioni. Circa tre settimane fa ho messo in funzione la mia prima piscina, ma ho riscontrato da subito diversi problemi. Le dimensioni sono 3,66 di diametro x 74 cm di profondità ed ha un filtro a cartuccia di tipo I. Ha una capienza di circa 6,5 metri cubi e ho fatto il trattamento cloro choc come primo step e inserito le pastiglie 4 azioni dentro il galleggiante. L’acqua è rimasta pulita due giorni, poi ha iniziato a diventare biancastra e la piscina scivolosa. Misurando con le striscioline i valori vedo che il cloro e ph vanno abbastanza bene, mentre l’alcalinità è al max valore (premetto che uso acqua di acquedotto). Allora ho provato con l’antialga ma era come non aver messo nulla. Alla seconda settimana rifaccio quindi il cloro choc e al mattino seguente aggiungo del ph- per abbassare l’alcalinità ed inizio a tenere accesa costantemente la pompa, spegnendola solo durante il bagno e l’acqua è diventata cristallina. Rifacendo il test valutato al 15esimo secondo sembra che l’alcalinità sia scesa, ma anche il ph (ho messo la dose per abbassare di 0.1). Per due giorni è rimasta cristallina, ho aggiunto l’antialga, ma l’acqua è progressivamente diventata sporchissima e opaca anche se stavolta non è scivolosa. Avendo il filtro a cartuccia sto usando per la pulizia la scopa con il sacchettino che non aspira l’acqua ma aggiunge acqua ad ogni pulizia del fondo. Non so come procedere, se aggiungere ph- o altro. Ho acquistato il flocculante liquido su consiglio di amici, della marten pool non sapendo che col filtro a cartuccia non va bene….inoltre ho letto che bisogna avere spazzole che aspirano lo sporco eliminando l’acqua, mentre la mia ne butta dentro in continuazione… disperata, l’altra sera dopo il temporale del giorno precedente, rifaccio il cloro choc, la mattina dopo metto del ph- x il problema dell’alcalinità alta, al pomeriggio è nuovamente scivolosa e torbida come se non avessi fatto il clorochoc. Metto allora l’antialga in dosaggio choc, aggiungo anche il flocculante togliendo la cartuccia dalla pompa. Ho lasciato in funzione la pompa un giorno intero senza cartuccia e poi l’ho rimessa….. Cosa devo fare? Come mi comporto con il flocculante e la pompa? Devo lasciare in acqua il galleggiante con le pastiglie 4 azioni? Non capisco più nulla, mi sembra tutto inefficace! Oltretutto il mio dubbio è se entrando a fare il bagno con i bambini dopo aver messo tutti questi prodotti chimici rischio di avere problemi???? Datemi un parere per favore!! Grazie mille

    • Buonasera Cinzia

      Mi sembra ci sia un pochino di confusione. Lei parla di trattamento shock. A quanto è il PH? Il valore del Cloro è al punto giusto? Ovvero maggiore di 3.5? Lei parla anche di alkalinita’. Quello che lei deve controllare è l’acidita’. Considero che finché l’acqua non torna bella deve tenere il valore del Cloro alto. Poi puoi scendere a valori di balneabilita’. Cloro 1 e PH 7. Fino ad allora direi niente bagno. In ultima analisi , visto il ridotto volume forse è più rapido , è sicuramente più salubre, cambiare acqua.

      Saluti
      Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.