11 Ago

Ossigeno granulare: l’alternativa al cloro in piscina

La maggior parte delle piscine private , e la quasi totalità delle pubbliche che lo prevedono per legge salvo deroghe, viene trattata chimicamente con il cloro. Il cloro infatti ha un elevato potere di disinfezione anche con tempi di contatto relativamente brevi ed agisce su di un largo spettro di batteri. E’  per questo motivo che si tende a preferire questo prodotto per sterilizzare l’acqua.

Buona alternativa al cloro, per quanto riguarda le piscine private, può essere l’utilizzo dell’ossigeno granulare. Questo prodotto infatti ha un elevato potere disinfettante, quasi pari a quello del cloro, mantiene un’elevata brillantezza dell’acqua, ha un valore del PH basso ,quindi aiuta a controllare l’acidità dell’acqua limitando l’utilizzo del riduttore, e soprattutto evita di avere quel classico odore di “acqua di piscina”.

Si aggiunge direttamente in vasca, avendolo preventivamente sciolto con acqua di piscina in un secchio a parte,  e si verifica il valore con analizzatore specifico. Ulteriore vantaggio nell’utilizzo dell’ossigeno granulare è che è meno fastidioso per le mucose , per le pelli sensibili e per gli occhi cosa molto importante soprattutto se la vasca è frequentata anche da bambini.

Nelle piscine medio-piccole e con accesso Ossigeno granulare ridotto si può utilizzare il solo granulare, nelle vasche più grandi o con accessi “consistenti” è  consigliato avere anche un piccolo dosaggio di cloro, in funzione della dimensione della vasca, generalmente ottenuto usando pastiglie di tricloro e lento scioglimento. In ultima analisi l’uso dell’ossigeno granulare è di aiuto anche nel conservare la qualità dell’acqua della piscina. In caso di utilizzo di ossigeno granulare il valore dell’acido cianurico è infatti ridotto al minimo.

Accedi alla nostra area privata!

Iscriviti gratis e ottieni subito:

  • Le videoguide gratuite con approfondimenti sui prodotti e sulla gestione della tua piscina (nuovi video ogni mese).
  • Un codice sconto del 5% da usare sul nostro shop online.
  • La possibilità di accedere al nostro gruppo Facebook segreto per ricevere aiuto o consigli sulla tua piscina.
VOGLIO ACCEDERE ORA

Laura consiglia...

10 commenti a “Ossigeno granulare: l’alternativa al cloro in piscina

  1. buon giorno, sto progettando una piscina 3x8x1,4 (in campagna) ad uso poco affollato 2 persone niente bambini.
    Non vorremmo usare il cloro e pensiamo di usare sterilizzatori Uv.
    Possiamo aggiungere l’ossigeno granulare?
    L’acqua di lavaggio dei filtri può essere così utilizzata per irrigazione?
    grazie

    • Buonasera. Scusandomi per il ritardo dovuto a problemi sulla connessione, sono a risponderle. Nessun problema per quello che riguarda l’uso dell’ossigeno. Nessuna controindicazione per quello che riguarda gli UV. Per l’utilizzo dell’acqua per irrigazione e’ bene aspettare almeno che la parte attiva del prodotto sia svanita. E comunque è bene evitarne l’utilizzo per irrigare orti o qualunque cosa sia commestibile.

  2. Ho letto che il perossido d’idrogeno è l’unico disinfettante che può coesistere con il cloro. Alcuni produttori lo distribuiscono anche insieme come composto. Alcuni lo usano anche per abbattere rapidamente il livello di cloro in eccesso, scomponendolo in parti inerti e innocue che si depositano sul fondo.

    Io lo sto sto usando invece come semplice schiarente nella mia piscinetta da 8-9 mt cubi, con pompa a cartuccia da 9 mc/ora sempre accesa o quasi. Dopo ogni clorinatura, entro i limiti di balneabilità, l’acqua mi diventa verde pallido trasparente dopo alcune ore (sia con acqua di acquedotto mediamente dura, mediamente ferrosa e batteriologicamente ok, che con quella di pozzo, più dura e ferrosa). Mi hanno detto che è una reazione al manganese. Per 8 Mt cubi mi basta versare in vasca 100 ml di perossido al 35% (130 volumi) e in pochi minuti ritorna trasparente.
    Penso di usare in futuro soltanto pasticche di perossido d’idrogeno a lento rilascio, perchè oltre al colore, pare sia meglio per pelle, occhi, ph, trasparenza, e… vista la minore degradabilità al sole, anche della persistenza in acqua di disinfettante. Ho letto anche che richiede minore, se non assenza di integrazione con antialghe. Alla fine, visto il suo uso ridotto, (circa 100 gr per 10Mt cubi una volta/settimana) sembra convenga pure economicamente rispetto alle pasticche di cloro. Il cloro in granuli costa meno ma richiede molto più tempo per miscelare, versare e si degrada di più al sole.

    1. Se è così comodo, relativamente conveniente, perchè è ancora così poco usato, specie per le piscine fuoriterra piccole?

    2. Rispetto alle info raccolte e riportatevi, vi risulta qualche imprecisione? In particolar modo per l’acqua verde e la coesistenza cloro perossido d’idrogeno.
    Grazie!

    • Buonasera Oscar

      Il fatto che venga usato per abbattere il Cloro elimina di fatto la co-esistenza…..al massimo l’acqua ossigenata può essere usata in sostituzione al Cloro. Ma non insieme. Come anche lei ha scritto.

      Saluti
      Massimo

    • Salve dopo quanto tempo l’intervento di perossido d’idrogeno si può fare il bagno ? E se è sicuro x i bambini ?? Grazie in anticipo

      • Buongiorno

        Il perossido d’idrogeno ( acqua ossigenata) è un prodotto che noi non utilizziamo, e su cui non abbiamo esperienza. Detto questo dovrebbero avervi dato un analizzatore insieme al prodotto, ed anche delle dosi in funzione dei metri cubi della vostra piscina. Altro non saprei dirvi.

        Saluti
        Massimo

  3. Salve ho letto il post adesso.. Posso darvi un consiglio.. Se usi il perossido di idrogeno usalo per. Dare solo shock… Non usarlo per mantenimento dovresti avere una pompa dosatrice adatta per. Il perossido.. Che é al 35 per cento.. Non quello al 12 per. Cento. Secondo.. In base alla temperatura che hai in vasca usa ossigeno in pastiglie.. Permanganato di potassio… Comprati un test kit per. Ossigeno e devi mantenere valori tra 4 e 6 dpm..se hai temperatura alta é normale che scende il valore. Aggiungi anti alghe adatto per l ossigeno.. Non quelli comuni in vendita. Se hai ph alto regolano a 7 3.. Ma ricorda che l ossigeno ti fa scendere il ph.

  4. Dimenticavo se fai shock con il perossido aspetta 1 o 2 giorni che scende il valore con il test kit dp4….poi metti le pastiglie.. Se no si annullano a. Vicenda. Io mantengo piscina di 20 mc con nuoto controcorrente riscaldata a 32 gradi ed uso solo ossigeno attivo..antialga specifico.. Per. Eliminare i fosfati e di rado.. Ogni tanto un flocculante.

  5. E molto più costoso del cloro fidati!!! Per. Mantenere costantemente acqua cristallina e il valore di ossigeno intorno ai 5 6 dpm io personalmente consumo 3 pastiglie da 100 grammi al giorno e 600 ml a settimana di antialghe.. Oltre allo shoc con perossido di idrogeno ogni 14 giorni circa 2 litri… Nelle etichette é riportato un dosagio.. Ma. Indicativo in base alla caratteristiche Dell acqua. Se non usi anti alghe da solo l ossigeno o il perossido non riesce… non per. Presunzione ma. Sono forse. Uno dei pochi che ha studiato in quanto essendo medico e chimico.

  6. Pingback: Ossigeno per la disinfezione dell’acqua della piscina | Vivi la Piscina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.