11 Apr

Pavimentazioni in legno per piscine

Un argomento di grande interesse è quello relativo alle pavimentazioni in legno utilizzate in esterno.

Questo tipo di pavimentazione è indicata per zone solarium e come pavimento per di contorno alle piscine. I legni che si possono utilizzare sono diversi sia come materiale che come finitura superficiale ed anche i sistemi di posa possono essere differenti.

Il più conosciuto , ed utilizzato , è probabilmente l‘ipe. Questo legno, paragonabile per certi versi al cemento, è di grande pregio e garantisce una durata nel tempo impareggiabile. Dotato di una stabilità dimensionale costante con il passare del tempo tende a perdere il colore diventando grigio chiaro.

Altro legno molto usato è il teak. Utilizzato in tutto il mondo per realizzare i ponti delle barche, praticamente impermeabile può essere posato con “l’effetto navale”, ossia con le fughe tra un listone e l’altro chiuse da un profilo in gomma.

L’Angelim Amargoso è un legno molto indicato per pavimentazioni esterne, in cui si cammina con scarpe o ciabatte, si ossida velocemente e  necessita di trattamento impregnante da subito. Al contrario di altri legni il montaggio di questa essenza è vivamente consigliato con viti per evitare fastidiosi movimenti.

I Listoni Itauba necessitano anche loro di trattamento impregnante, che visto il basso grado di assorbimento è bene asportare velocemente nel caso in cui vi sia un eccesso di prodotto, per mantenere le proprie caratteristiche nel tempo. Indicato per pavimentazioni esterne.

Il Massaranduba è un legno di colore scuro, necessita anche lui di un trattamento di mantenimento con olio. Molto indicato anche per verande di locali pubblici, es bar o ristoranti. Dotato di una grande densità, le macchie che si possono presentare durante la fase di stoccaggio si possono tranquillamente rimuovere con lavaggio o oliatura.

Un legno di medio livello è il Garapa. Legno dal colore chiaro ,che può essere attaccato anche da funghi e muffe, necessita di trattamenti impregnanti meglio se composti anche da funghicidi, battericidi oltre che anti-uv. E’ possibile realizzarvi scale, pavimentazioni esterne.

Generalmente tutti questi legni possono essere disponibili in listoni lisci, oppure con superfici lavorate in modo da ottenere delle “zigrinature” più o meno larghe. Il fissaggio delle doghe , salvo diversa specifica del produttore, è possibile con clip a scomparsa, viti a scomparsa oppure viti a vista. Il sistema ” più sicuro” è sempre la vite a vista, alcuni legni come ad esempio il teak possono essere montati anche con le clip senza nessun problema, detto questo l’impatto visivo è sicuramente diverso.

Come per altri prodotti è importante affidarsi ad importatori “seri” per evitare di utilizzare , per esempio, legni poco stagionati che nel tempo possono modificare la loro forma.

 

 

 

Accedi alla nostra area privata!

Iscriviti gratis e ottieni subito:

  • Le videoguide gratuite con approfondimenti sui prodotti e sulla gestione della tua piscina (nuovi video ogni mese).
  • Un codice sconto del 5% da usare sul nostro shop online.
  • La possibilità di accedere al nostro gruppo Facebook segreto per ricevere aiuto o consigli sulla tua piscina.
VOGLIO ACCEDERE ORA

Laura consiglia...

Un commento a “Pavimentazioni in legno per piscine

  1. Pingback: Dove installare la piscina nel giardino di casa? | Vivi la Piscina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.